Poesia Visiva

Lucia Marcucci

lucia marcucci opere, quotazioni , stime

L'astrattismo

Alvaro Monninio

alvaro monnini opere, quotazioni , stime
Flag Counter

Borsato Renato

 

(Venezia 14/12/1927), attualmente vivente, nel corso della sua carriera pittorica si è imposto soprattutto all'inizio tra i migliori giovani del dopo guerra italiani, attirando l'attenzione sia della critica che del pubblico anche come vincitore di numerosi premi di pittura. Ha viaggiato dipingendo in Francia, Svizzera, Austria, Inghilterra.
Dal 1950 Borsato partecipa a esposizioni provinciali, regionali, nazionali e internazionali. Nel 1953 lavora per diversi mesi a Parigi ospite del dott. Edonard Garde. Sempre nel 1953 gli viene assegnato un premio di II grado alla terza edizione del Premio Burano con un paesaggio bretone.
Accettato dalla giuria entra per la prima volta alla XXVII. Biennale Internazionale d'arte di Venezia nel 1954 con un gruppo di cinque opere ottenendo il Premio Tursi. Soggiorna nel friulano lavorando a Spilimbergo, Sequals, Tramonti. Nel 1955 ottiene una borsa di studio dal Governo francese; ritorna così a Parigi e nel frattempo visita la Bretagna, la Normandia e Rouen. In autunno dello stesso anno dipinge a Travesio nel Friuli, ed è invitato alla VII Quadriennale Romana del 1955. L'anno seguente espone alla XXVIII. Biennale Internazionale d'Arte di Venezia con tre dipinti ottenendo come riconoscimento ufficiale un acquisto dal Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi ed uno dalla Galleria d'Arte Moderna di Roma. Nello stesso anno a Parigi, invitato dalla Direzione della Galleria Marcel Bernheim per una personale, viene intervistato dalla Radiotelevisione Francese. Nel 1957 soggiorna a Milano, e l'anno successivo esegue una parete per una sala al Savoy Hotel di Trieste.
Renato Borsato ha fatto parte della Giuria alle Collettive Opera Bevilacqua La Masa degli anni: 1956, 1957, 1960, 1962,1964, 1965, 1966. Mostre a Firenze 1968, 1970, 1973, A Siena Luna 1974. Negli anni 1981-1983 ha esposto alla Galleria Il Traghetto di Venezia e alla Galleria Rovani di Genova. Nel 1986 il Circolo Culturale di Monopoli (Bari) ha ospitato una sua personale. Dal 1979 al 1986 è stato Presidente della Fondazione Bevilacqua La Masa. Per il Teatro, Borsato ha curato per il teatro Ca' Foscari di Venezia l'allestimento scenico dell'opera "Tamburi nella notte" di Bertolt Brecht nel 1958 e per conto del Teatro La Fenice di Venezia ha curato gli allestimenti scenici per le opere "Turandot" 1960, "Traviata" 1961, "Butterfly" 1962. Fra i principali premi ricevuti ricordiamo: 1° Premio alla 2a Mostra della Riviera del Brenta (1952); due primi premi e due secondi alla 40a, 41a, 42a, 43a, Collettiva Bevilacqua La Masa; il Premio Tursi alla XXVIIa Biennale Internazionale d'Arte di Venezia nel 1954; 1° Premio San Fedele (1955); II° Premio Michetti (1956); un premio alla Giovane Pittura Internazionale a Mosca (1957); Premio Rotary Club di Venezia alla XXIX. Biennale Internazionale d'Arte di Venezia (1958); Premio Soppelsa alla XXXI. Biennale Internazionale d'Arte di Venezia; il Premio Rotary Club di Venezia alla 50a Mostra Opera Bevilacqua La Masa (1962); 1° Premio al «Premio Caorle» (1963); Premio Speciale istituito alla Siiedison di Marghera al VI° Premio di Pittura Mestre nel 1963; un Premio acquisto a Milano al Premio d'Arte "Maternità" (1966); 1° Premio ex aequo al "Premio Nazionale Pordenone" (1966).